Allestimenti matrimonio

5 errori da evitare

Una delle prime cose che dovreste fare quando progettate gli allestimenti del vostro matrimonio è scegliere i colori che domineranno le decorazioni.

È un momento molto importante perché questa scelta, insieme a quella del tema o, comunque, dello stile, vi faciliterà immensamente la vita. Dai fiori da scegliere, alla grafica, ai dettagli, una volta scelti i colori e lo stile tutto viene più facile e più naturale.

Ho notato in diversi matrimoni alcuni errori ricorrenti, segno che qualcosa nel processo di scelta è andato storto. Questo perché? Molto semplice: le spose che si affacciano al mondo del matrimonio sono in media piuttosto inesperte (sempre che non si siano già sposate!) e fanno giustamente fatica ad immaginarsi l’effetto finale di un allestimento e l’aspetto che avranno insieme tutti  dettagli. Questo può portarle a commettere qualche errore, ovviamente in buona fede e nel tentativo di fare il loro meglio.

Oggi, quindi, vi svelo alcuni trucchi che sanno solo gli addetti ai lavori ma che sono fondamentali per pianificare i propri allestimenti nel modo migliore! Ecco alcuni errori frequenti dei matrimoni:

  • eccesso di ripetizione del colore: nella frenesia di voler coordinare tutti i dettagli l’effetto è una presenza troppo forte del o dei colore/i scelto/i
  • colori troppo violenti: generalmente i colori forti, come il rosso, il blu nella loro tonalità più pura non vengono bene in foto e l’effetto finale sarà difficilmente di buon gusto. Questi però, sono trucchi che sanno i fotografi e alcune wedding planner, non certo cose che possono sapere tutti!
  • Eccesso di Rosso: il rosso è difficile, spara nelle foto e può trasformare un matrimonio in un completo disastro di stile. Eppure è un colore meraviglioso, uno dei miei preferiti… qual è la sottile linea che separa un bel matrimonio in rosso da una guerra tra mondi? Continuate a leggere per scoprirlo
  • I materiali sbagliati: certi materiali riflettono la luce in modo eccessivo e in foto rendono poco o sembrano di cattiva qualità. È il caso del raso, dell’organza e di altri che vedremo insieme.

Ecco alcuni semplici trucchi e regole per scegliere i colori per il vostro matrimonio.


1# Attenzione al monocromatico


Tutto blu, tutto tiffany tutto verde… si pensa ad un solo colore, che magari può essere anche il più bello del mondo, ma non si pensa a come bilanciarlo correttamente.

E così si parte a coordinare il portatovagliolo, con la vestina, con i runner, con le scarpe della sposa, con le candele (non cito, per educazione, centrotavola con candele galleggianti in acque colorate di fucsia o di blu), i confetti… tutte le volte che troviamo qualcosa del colore scelto si prende e si posiziona. Peccato che questi dettagli, così graziosi presi uno per uno, tutti insieme creino qualcosa di terribile e che lo stesso colore, ripetuto all’infinito abbia l’effetto di appiattire terribilmente le foto.

Si, perché se proprio non potete pensare di abbinare nessun altro colore, DOVETE almeno scegliere una serie di tonalità per lo stesso colore. Avete scelto il blu? Benissimo, andate in gradazione dal blu navy al polvere, passando per il pervinca. Aggiungete un tocco di grigio.

L’effetto finale sarà incredibilmente più delicato e di buon gusto e darà profondità alle vostre foto per un effetto indimenticabile.

Per farvi un esempio, scegliendo di puntare su più toni in un lampo potete passare da questo (che per carità, ha anche tanti altri errori):

… a questo…

Meglio, no?

Altro consiglio utile: non dimenticate di dosare bene il colore, non ripetetelo in ogni dettaglio, per un effetto più gradevole. Siate parsimoniose, sopratutto se il colore che avete scelto è un colore importante.

Per capirci meglio, ecco una palette che proprio non funziona (troppo violenta, manca di buon gusto):

Ed ecco invece un esempio di come, pur scegliendo una sola tonalità si possano comunque ottenere effetti gradevoli. I colori “sparano” meno, sono più delicati e dosati con gusto.

Ancora qualche esempio. Non vi faranno già male gli occhi? A me un po’ si… Effetti che non dovreste volere, per niente al mondo:

Anche qui eccesso di verde, troppo carico tutto:

E già tonalizzando il colore e attenuandolo con l’ambiente, ecco come cambia in meglio la situazione:


Ecco invece qualche esempio di come accostare più colori renda subito la palette e le decorazioni più interessanti, delicate e belle.




2# Dosare con attenzione i colori accesi


I colori troppo forti sono armi a doppio taglio. Possono essere tocchi da maestro o baratri aperti verso il tracollo.

Una regola aurea per non sbagliare un colpo, è quella di non usare direttamente i colori puri (soprattutto arancione, blu, verde, fucsia) ma di declinarli in sfumature più delicate. Così un verde salvia sarà sicuramente più elegante di un verde mela, un azzurro carta da zucchero o un blu oltremare più raffinato di un blu elettrico, mentre i toni del ciclamino saranno meno aggressivi del fucsia.

In sostanza: non abbiate paura di osare con il colore ma esplorate le infinite possibilità dei semitoni per arricchire di gusto e profondità i vostri allestimenti. Abbinate con gusto colori forti ad altri più chiari per stemperarne la presenza.

Ecco qualche esempio:

Aggressioni fucsia e rosse

Abbinamenti di colore gradevoli che richiamano l’oriente

Il terrore assume l’aspetto di abbinamento blu-arancione

Mentre ecco che basta stemperare i due colori per creare atmosfere meravigliose!



 


3#andarci molto piano con il rosso


Lo sapevate che tutte le volte che una neo sposa dice alla sua wedding planner “il mio colore sarà il rosso!” una fata da qualche parte del globo muore? Ovviamente scherzo, ma è vero che il rosso è uno dei colori più difficili in assoluto, il passo dal buon gusto a quello cattivo è sottilissimo! Ecco una serie di esempi, quindi, per capire come passare da un effetto del genere:

A qualcosa di bellissimo come questo:



4# Bilanciare con cura


È importantissimo stare attenti, in definitiva, a dosare il colore con il contagocce per ottenere effetti profondi ma leggeri, eleganti e interessanti, senza mai scadere nel kitsch o nel banale.

No a questo:

Si a questo:


5# Attenzione ai materiali


Quando pensate all’allestimento di un matrimonio dobbiamo sempre tenere a mente che l’evento verrà fotografato e filmato. Di conseguenza, è fondamentale pensare ai materiali che verranno utilizzati perché alcuni di essi in fotografia non saranno accattivanti come dal vivo!

In generale tutti i tessuti  lucidi perderanno fascino e tenderanno a sembrare meno preziosi. Questo vale per le tovaglie, in particolare modo, per i vestiti, soprattutto quelli scuri da uomo, per i nastri delle bomboniere.

A meno che non si tratti di tessuti particolarmente pesanti o preziosi (come per esempio il crêpe o la duchesse di seta, il mikado, lo shantung di seta), tutti i tessuti lucidi e leggeri come l’organza di nylon o i tessuti acrilici in foto risulteranno scadenti e appariranno meno belli di tessuti opachi come il cotone, il lino, la garza leggera e così via.

Ecco una piccola gallery per farvi capire cosa intendiamo. No a tessuti come questi:

La tovaglia Damascata:  in foto aggiunge troppa confusione per via dei disegni, oltre a catturare male la luce. Nel complesso, in foto sembrerà una tovaglia di bassa qualità (anche se magari non lo è)


Il raso:  so che sto toccando un tasto dolente perché il raso è stato considerato per anni un must del mondo wedding. Oltre ad essere datato, in foto evidenzia anche la più minima piega per un effetto poco ordinato e davvero mal curato.


Organza Lucida:  in foto emana bagliori che disturbano l’immagine finale e fanno sembrare il tessuto poco pregiato.

Ed ecco invece alcuni tessuti che sono perfetti (ne esistono molti altri, questi sono solo esempi!)

Garza di cotone o di lino

Chiffon o maglina opachi


Lino e cotone


Per oggi è tutto! Sei alla ricerca di consigli più specifici per rendere unico il tuo matrimonio? Chiedici una consulenza dedicata, saremo lieti di incontrarti al più presto!